Scopri la Grotta di San Giovanni in Sardegna

grottaLa Sardegna è una regione ricca di scorci emozionanti e di paesaggi naturali che sembrano provenire da una cartolina: eppure vi sono ancora delle località poco conosciute di questa bellissima terra, che varrebbe la pena scoprire per la loro bellezza unica.
La Grotta di San Giovanni, situata nel comune di Domusnovas, in provincia di Carbonia-Iglesias, è una di queste. Questa grotta, riconosciuta come monumento naturale da una legge regionale del 1989, è un vero prodigio della natura, unico nel suo genere.

La Grotta di San Giovanni è l'unica in Italia a poter essere percorsa interamente in auto, e la terza a livello mondiale, subito dopo Australia e Francia.
Questa bella conformazione naturale può essere raggiunta, se si proviene dal paese di Domusnovas (che dista dal sito circa tre km) seguendo la provinciale affiancata a Rio San Giovanni. Attualmente la grotta è chiusa al traffico, per meglio preservarla dall'inquinamento.

La Grotta prende il suo nome dalla presenza, fra la roccia, di una cavità dove un tempo era situata una cappella dedicata proprio a questo Santo. La cava si è formata in seguito ad un cedimento della massa calcarea, a causa probabilmente dello scorrere di un corso d'acqua nelle sue profondità, e per questo motivo essa può essere ritenuta un mirabile esempio del fenomeno carsico.
La Grotta di San Giovanni è assai particolare perché ospita al suo interno una vera e propria galleria, il ramo più importante della galleria è lungo 850 metri e fuoriesce direttamente nella Valle di Oridda; esso è attraversato da un ruscello e costellato di ampi spazi, vere e proprie sale contenenti escrezioni e formazioni di stalagmiti e stalattiti. Il ramo principale non è l'unico livello sul quale si sviluppa la grotta sarda: infatti ne sono presenti altri due, che però sono chiusi al pubblico per motivi di studio e di sicurezza: si tratta del Ramo fossile, o superiore, chiamato anche Ramo Bobore, e del Ramo attivo, denominato Su Stampu de Pireddu. Quest'ultimo è caratterizzato da un intrico di cunicoli e di gallerie che si sviluppano in piccoli laghi e zone cieche che non sono state ancora del tutto studiate ed analizzate. Si è calcolato che in totale, unendo tutti i livelli, la Grotta di San Giovanni ospiti oltre 2 km percorribili.

Il fenomeno di una lunga galleria percorribile che attraversi da parte a parte una grotta è, come si è già accennato, più unico che raro: ne esistono infatti solamente tre casi in tutto il mondo.
Ma le caratteristiche d'interesse di questo sito non si fermano qui: infatti la grotta vanta anche la presenza di mura ciclopiche, che gli esperti ritengono siano ciò che rimane di un forte antico.

Innumerevoli le testimonianze d'interesse storico rinvenute all'interno della grotta: cocci, pezzi di vasi, che fanno credere a tutti gli effetti che questo sito sia stato, un tempo, rifugio per delle popolazioni della zona.
Purtroppo alcuni reperti sono andati perduti nel XIX secolo, quando il Conte Beltrami, intenzionato a creare una strada percorribile all'interno della grotta, fece abbattere le mura preistoriche che sigillavano gli ingressi del sito e demolì anche la piccola cappella di San Giovanni, che ha dato il nome a questo monumento naturale. La cappella dedicata al Santo si trova oggi sul versante meridionale della grotta.
Oggigiorno questo meraviglioso sito naturalistico e paesaggistico è aperto al pubblico che lo voglia attraversare a piedi. L'interno della grotta è debitamente illuminato, per permettere ai visitatori di scorgere la bellezza delle pareti e delle formazioni calcaree, e la strada permette di spostarsi in sicurezza e agevolmente lungo il percorso.
Qualche disagio potrebbe verificarsi durante il periodo invernale, quando talora accade che il torrente parallelo alla strada, il Rio Giovanni, si ingrossi ed entri dalla porta nord della grotta, rendendo inagibile il sito.

La Grotta di San Giovanni viene visitata da numerosi turisti e amanti della natura, nonché da chi approfitta della grande strada asfaltata che attraversando la grotta conduce nella bella Valle di Oridda per fare delle interessanti escursioni.
Questo sito naturale sardo è anche meta di numerosi arrampicatori provenienti da tutta Europa, che si divertono a scalare le grandi e spettacolari pareti rocciose situate nel comune di Domusnovas.


Aziende e servizi in zona